Andrea Cristofori Personal Trainer
 Home  Registrati  News  Guestbook  Immagini  Download  Mappa 
SERVIZI Personal Training
> Home Page
> Chi sono
> Informazioni Servizi
> Dettagli Servizi
> Domande Frequenti
> Elenco Servizi
> Dicono di me
> Contattami
> Foto-Gallery
> Collabora con me
MY FITNESS STUDIO Personal Training
> MY FITNESS Studio P.T.
> Programmi Esclusivi
> Attrezzature/Partners
P.T. a DOMICILIO
> Training a Domicilio
Personal Trainer ON-LINE
> Consulenze di Personal Training On Line
VIBRAZIONI meccaniche
> Pedana Vibrante
FITNESS, PREPARAZIONE FISICA & BELLEZZA
> Ginnastica Estetica e Natural Bodybuilding
> Dimagrimento Slimming
> Allenamento Funzionale
> TRX Suspension Training
> Kettlebell Training
WELLNESS & SALUTE
> Rieducazione Posturale
> Consigli Alimentari
> Dimagrire
TENNIS
> Preparazione Fisica Tennis
> Scuola Tennis
L'ANGOLO delle INTERVISTE
> Facciamo due chiacchiere con...
MARKETING
> Marketing sportivo
Login
 
 
 
  

 Registrati
 Password dimenticata?
>> Ora sei in: FITNESS, PREPARAZIONE FISICA & BELLEZZA > Allenamento Funzionale
Allenamento Funzionale

Allenamento Funzionale (Functional Training): il futuro dell’allenamento e del potenziamento. Presentazione del metodo più all’avanguardia e innovativo dell’allenamento.

 
media/IMG_2995.JPG


Introduzione


E’ da un po’ di tempo a questa parte che all’interno dei fitness club sta avvenendo una piccola rivoluzione degli ambienti. La rivoluzione che sta avvenendo è una diretta conseguenza di uno delle più grandi rivoluzioni nel servizio offerto dai club, cioè il personal training.

media/functional training kinesis6.jpg

Lo sviluppo e la richiesta sempre maggiore di questo tipo di servizio, ha richiesto anche una modifica degli ambienti e delle attrezzature presenti all’interno dei club, non esistono più solo le macchine isotoniche, tanto in voga qualche anno fa, ma sempre di più si stanno facendo avanti attrezzature e mezzi d’allenamento che sviluppino capacità coordinative che siano il più possibile funzionali. Le macchine stupide, cioè quelle che per usarle basta tirare o spingere, stanno lasciando il posto ad attrezzi ed aree dedicate all’allenamento funzionale. 

Ed è proprio questa parola, “Funzionale”, che ha portato l’industria del fitness a realizzare sempre più, macchinari capaci di aiutare le persone a realizzare allenamenti che siano utili a vivere meglio e più facilmente. Un allenamento funzionale applicato al fitness quindi, non è altro che un allenamento in grado di rendere la persona capace di effettuare ed affrontare qualsiasi movimento nella vita di tutti i giorni, non dovendo così rischiare lombalgie alla schiena per un movimento non idoneo e scorretto.
Essere funzionali vuol dire essere coordinati, forti, monili, agili, non solo, la capacità di creare e svolgere un allenamento funzionale sta nel saper differenziare tale allenamento creando sempre nuove esperienze motorie capaci di stimolare la persona ad acquisire uno schema corporeo e motorio sempre più pronto ed efficace.

media/fitness funzionale.jpg

Il fitness, il wellness, la preparazione motoria, fisica e muscolare dovrebbero avere quindi un approccio in un’ottica di tipo essenzialmente globale.
Il concetto di allenamento purtroppo (soprattutto nel recente passato) è troppo spesso considerato esageratamente analitico dai tecnici e preparatori, cioè nel senso che si va a creare un condizionamento e un potenziamento di quel distretto muscolare con il principale, o addirittura unico, fine di incrementare la capacità dello stesso di esprimere maggiore forza (da discutere e vedere poi quale tipo di forza) lungo il suo ROM (range of motion). Per forza voglio intendere l’espressione complessiva del termine, quindi nelle sue diverse forme… forza dinamica massima, forza esplosiva, forza massima, forza resistente a seconda dei casi specifici richiesti dalla disciplina sportiva o motoria praticata.

media/trx Functional Training.jpg

L’allenamento funzionale e lo sviluppo della forza funzionale sono il futuro dell’allenamento e del potenziamento muscolare e sono i metodi più all’avanguardia.
Elevata capacità condizionante delle esercitazioni, sviluppo di adeguate capacità coordinative, rispetto dell’integrità della persona e/o dell’atleta e prevenzione dagli infortuni. Tre requisiti per un solo metodo: l’allenamento funzionale.
L’allenamento funzionale è un mix tra la sapienza dei vecchi modelli di allenamento e l’applicazione delle più recenti conoscenze e metodologie della scienza dell’allenamento.
L’allenamento funzionale è allo stesso tempo altamente condizionale (condizionante) e preventivo.
Il potenziamento funzionale pone sempre l’accento sul controllo cinestesico e sulle capacità coordinative e tiene in grande considerazione l’attività chiave della cintura addominale (core) con la sua capacità di trasferire spinte e slanci, di compattare il sistema e migliorare le sinergie muscolari prevenendo gli infortuni. In definitiva di migliorare le performance di forza speciale.
L’allenamento funzionale è poi rispettoso delle caratteristiche tipiche di funzionalità cinetica e cinematica del corpo umano.

 media/IMG_4853.JPG  

Come tutti ben sappiamo, i mali vanno prevenuti e non curati, per questo motivo dobbiamo anche nell’allenamento creare i presupposti per contrastare una condizione di scarsa stabilità e deve essere prerogativa di ogni allenamento aumentare le capacità funzionali dell’atleta o della persona dedita al fitness e all’attività motoria.
Ciò che si osserva infatti nella riabilitazione, in generale, è la ricerca di capacità in termini di movimento, di elasticità ma soprattutto di ricevere ed elaborare informazioni dal distretto anatomico coinvolto, ovvero la ricerca della propriocettività ed è questo che in un individuo determina il concetto di stabilità e relazione nello spazio. 
A questo punto nacque un tale tipo di approccio applicato però a tutti i distretti corporei sani con l’obiettivo principale di recuperare e quindi poi incrementare le capacità stabilizzanti e funzionali dell’intero corpo. È qui che entra in gioco in concetto di "Ginnastica Funzionale Globale" o dai suoi pionieri il "Functional Training".
Una definizione per questa metodologia può essere anche la seguente: "la massima espressione del  controllo del corpo nello spazio con ricorso ad elevate capacità stabilizzanti e adattative a sollecitazioni imposte dal contesto esercizio."

media/functional-training.jpg

Possiamo anche definirla come una metodologia di allenamento che si fonda su una continua ricerca di equilibrio che utilizza come strumento di base la propriocezione attraverso tutta una serie di muscoli profondi intrinsechi alle articolazioni, per il mantenimento delle posizioni durante l’esecuzione dei movimenti.
Le stimolazioni di questi muscoli profondi, incrementeranno le potenzialità di un gesto fisico, motorio e atletico, il quale senza l’ausilio di questi stabilizzatori risulterebbe carente.
Nell’allenamento funzionale quindi si cerca la stabilizzazione attivando quei muscoli che in esercizi classici analitici intervengono in percentuali molto ridotte o assenti.
Questo tipo di approccio ha la necessità di un lavoro sviluppato sui tre piani dello spazio: frontale, sagittale e traverso.

All’inizio dell’articolo ho affermato che la preparazione fisica e muscolare dovrebbe avere un’ottica di globalità; ciò depone a favore sul fatto che i sistemi di allenamento vanno integrati al fine di aumentare tutte le capacità fisiche, quindi integrare il functional training ai classici esercizi di muscolazione (come anche l’utilizzo della stimolazione vibratoria meccanica) nel fitness e nella preparazione fisica può rivelarsi un binomio molto potente e vantaggioso. 

media/PSX_20140523_191006.jpg



Allenamento Funzionale Personalizzato


Il concetto di stabilizzazione è applicato anche in palestra. Basti pensare la grande difficoltà che si ha quando si passa da un esercizio con la chest-press (movimento guidato), al bench press (distensioni) con bilanciere su panca piana fino ad arrivare a quello delle distensioni sempre su panca piana ma con i manubri (tre livelli di stabilizzazzione differenti... dall'esercizio più stabile al più instabile). Come abbiamo capito, nell'allenamento funzionale dobbiamo ricercate anche l'esercizio instabile e/o destabilizzato in modo tale da migliorare le nostra "capacità" stabilizzatrici del corpo e del movimento. Un soggetto che alla panca orizzontale riesce a sollevare 50 kg, compreso di bilanciere, per 10 ripetizioni, molto difficilmente riuscirà ad eseguire 10 ripetizioni nelle distensioni con i manubri da 25 kg; eppure stiamo parlando sempre di 50 kg in totale! Tutto sta nella stabilizzazione durante i movimenti. 

Si potrebbe integrare, in questo caso, un ottimo esercizio di functional training (allenamento funzionale) al classico allenamento di distensioni su panca: tornerebbero molto utili i "push-up sulle palle mediche" (aumenta la componente destabilizzante dell'esercizio) o le sue varianti in base al gradi di difficoltà e capacità del singolo individuo.

media/push up sulle palle mediche.jpg

Questi movimenti effettuati in appoggio su delle palle mediche, creano una condizione di destabilizzazione che obbligano i muscoli intrinseci della spalla a creare la condizione di equilibrio per l’esecuzione dell’esercizio; ciò determina un aumento di forza nei "fissatori" dell’articolazione, che comporterà anche un aumento di forza quando si ritorna alle distensione con i manubri in condizioni non fortemente destabilizzate.
Nell’effettuazione del bench press si consiglia vivamente di allenare con criterio la cuffia dei rotatori della spalla, i quali, in qualità di fissatori e "protettori" dell’articolazione, aumenteranno la performance nell’’esercizio su panca orizzontale. Muscoli intrinseci come quelli appena citati, sono distribuiti anche in altre grandi articolazioni nonché lungo tutta la colonna vertebrale. Basti pensare ai muscoli che circondano l’anca per capire quanto essi assolvano al compito di stabilizzatori.

Le basi per un corpo umano solido, risiedono negli arti inferiori; ma ciò che permette ad un corpo di essere stabile è senza dubbio il tronco, inteso come insieme di muscoli, articolazioni e ossa che vanno dal bacino all’occipite lungo tutta la colonna vertebrale nonché dal bacino alla gabbia toracica. Queste strutture anatomiche per la loro importanza nella stabilizzazione hanno fatto sì che si introducesse un altro concetto dell’allenamento funzionale ovvero quello del "Core training".

media/anca.jpg

In esso si definisce la primaria importanza della funzionalità dei muscoli del tronco e del bacino al fine di ottimizzare qualsiasi gesto che richieda stabilità. Se ad esempio in uno squat con bilanciere con carico elevato, il "core" non è solido, non solo si rischia di cadere ma addirittura creare dei seri problemi alla colonna vertebrale. Per allenare e fortificare il core esistono diversi tipi di esercitazioni... ne vediamo due in esempio qui sotto:

media/Bridge su fitball.jpg



media/Hip lift su fitball.jpg

L’allenamento funzionale ha lo scopo di creare esercizi che rispettino il movimento naturale, movimento che utilizza delle sinergie muscolari e si sviluppa in maniera combinata su piani e assi. Uno dei modi per allenare la funzionalità, quindi, è quello di esercitare quattro elementi fondamentali per il miglioramento del movimento, per così dire, quotidiano. L'allenamento funzionale, però come già detto, è estremamente appropriato anche per sportivi - agonisti e amatori - in quanto si possono incrementare le loro prestazioni prevenendo gli infortuni.

media/Functional.jpg

 I quattro pilastri (fondamenti) dell'allenamento funzionale
sono:

- Catene cinetiche funzionali
- Richiesta di controllo motorio
- Attività del core
- Similitudine alla struttura naturale delmovimento

(Un esercizio è funzionale se rispetta almeno 3 dei 4 fondamenti dell'allenamento funzionale).



media/pushup-bosu.jpg




media/AndreaCristofori2.jpg


Gli Scopi essenziali del functional training sono:

- Aumento del rendimento e della performance

- Prevenzione degli infortuni

- Condizionamento fisico


media/funtcional training kinesis4.jpg




media/Kettlebells3.jpg


Dopo aver trattato dei fondamenti dell'allenamento funzionale, vediamo ora quali sono i 5 metodi del functional training:

- Mobility functional training

- Core functional training

- Balance functional training

- Cross functional training

- Special functional training

Nell’allenamento funzionale (functional training) il principio della progressione è estremamente importante, come d’altronde in ogni altra metodica di allenamento, quindi è doveroso iniziare con esercizi basilari che di volta in volta saranno resi più complicati ed impegnativi fino ad arrivare ad eseguire movimenti che possono sembrare "impossibili" a persone non adeguatamente allenate.

L’allenamento funzionale può essere un mezzo potentissimo per incrementare la performance di ogni atleta in ogni specialità e va usato comunque con criterio e, soprattutto, sotto la supervisione di un esperto personal trainer e/o di un preparatore fisico professionista che, quando riterrà opportuno, incrementerà la difficoltà degli esercizi intensificando le sessioni di allenamento. 

L’allenamento funzionale nella preparazione atletica e nel fitness può davvero fare la differenza!
Un buon Personal Trainer deve servirsi di un approccio funzionale all’allenamento se vuole concretizzare seri traguardi con i suoi clienti sia che essi siano atleti di alto livello o semplici persone comuni. L’attrezzatura può essere molto semplice; da banalissime palle da calcio o basket sgonfie o palle mediche ad altri oggetti che creano condizioni di precaria stabilità come dischi su mezze sfere o semplici tavole su bastoni. La fantasia in questo caso la fa da padrona!

media/IMG_5794.JPG

Per poter svolgere un allenamento funzionale quindi non servono grandi attrezzi… ma, oltre agli esercizi a corpo libero a carico naturale, è sufficiente una fitball, dei pesetti e degli elastici. Questi attrezzi danno già la possibilità ad un Personal Trainer di creare un’infinità di esercizi funzionali, se poi si aggiungono tavole propriocettive, palle mediche, TRX suspension training, RIP training, step, kettlebell, bulgarian bags (sacche bulgare), clubbell (clave), tappeti elastici, bosu, bastoni, bilancieri (per alzate olimpiche e il power lifting), sand bag, box, water pipes, corde per il jump rope e sbarra per trazioni allora possiamo spaziare a 360°. 

Esistono poi delle attrezzature più complesse e sofisticate che sono in grado di poter far svolgere non solo allenamenti funzionali, ma anche i classici allenamenti, free-motion, gravity, functional training, kinesis ne sono esempi, questi attrezzi oltre a poter far svolgere degli allenamenti funzionali, anche particolari, possono essere utilizzati per allenamenti con sovraccarichi classici, ma anche per il pilates, e per il recupero post-infortunio.

media/Fitness image/image056.jpg

Un’altra straordinaria attrezzatura per effettuate un lavoro di allenamento funzionale è la pedana vibrante sussultoria verticale. Questa è la nuova frontiera delle vibrazioni meccaniche per il potenziamento e l’allenamento funzionale.

media/pedana vibrante30.jpg

L’allenamento funzionale è un allenamento complesso e molto diversificato, si adatta alle esigenze di ogni persona e deve essere costruito e svolto con il supporto di un Personal Trainer professionista, sarà lui con test e valutazioni specifiche a capire che strada intraprendere.

media/pedana vibrante27.jpg

L’aumento della forza in seguito ad un programma di functional training può rivelarsi davvero importante in un contesto di programmazione dell’allenamento. Che si tratti di un atleta di altissimo livello o della signora Maria di 50 anni che vuole soltanto sentirsi più padrona del suo corpo, questi esercizi possono aiutare ad incrementare le potenzialità in ogni soggetto; per non parlare del fatto che tale metodica può integrare la figura del Personal Fitness Trainer nel contesto della riabilitazione e rieducazione funzionale, creando un team di altissima qualità che vede la figura in primis dell’Ortopedico e/o del Fisiatra, seguita dalla delicatissima figura del Fisioterapista che si occuperà di ricreare le basi della mobilità del segmento e poi dell’intero corpo in collaborazione con Osteopata o Chiropratico, che valuteranno la funzionalità globale dell’individuo in ambito posturale,  somatoemozionale o viscerale  ed infine, e non per importanza, la figura del Fitness Personal Trainer che avrà il compito di ridare al soggetto la possibilità, attraverso adeguati programmi fitness, di ritornare ai quotidiani gesti nonché, all’occorrenza, incrementare le capacità fisiche e stabilire una linea di stile di vita mirato alla gestione del proprio corpo in termini salutistici e quindi verso uno stile in piena forma fisica.  

Cosa molto importante è la progressione del training e anche come sempre la personalizzazione e l’individualizzazione del lavoro a seconda del soggetto e degli obiettivi specifici. Si può affermare che un soggetto di età avanzata non ha le stesse capacità di uno più giovane, ma si osserva molto spesso come una persona di mezz’età o oltre, adeguatamente allenata, riesca a compire dei movimenti e dei gesti che in un giovanissimo non allenato possono sembrare improponibili. Questo ci impone, ancora una volta, di pensare e confermare la tesi che afferma che l’allenamento rende giovani e sicuramente rallenta il normale decadimento del corpo.

I vantaggi dell’allenamento in palestra possono essere davvero tanti ma assicuratevi che la vostra persona sia nelle mani di professionisti che conoscono il loro lavoro ma, soprattutto, che abbiano le conoscenze e i mezzi per realizzare l’allenamento giusto per VOI! 

media/PSX_20140525_100524.jpg



Per Informazioni:

Dott. Andrea Cristofori

Personal Trainer & Preparatore Fisico Professionista
Master Trainer delle Vibrazioni meccaniche
Master Functional Training Instructor
Master in Sport Performance TOP Certification
Kettlebell Instructor level II FIF e Instructor HKC
TRX suspension trainer e TRX RIP trainer
Chinesiologo ed Esperto in Movimento umano
Formatore Tecnico/Scientifico sportivo


Sede operativa: Bologna
Mobile: 347/0442844
Web Portal: www.andreacristofori.net
E-mail: info@andreacristofori.net
Facebook: www.facebook.com/a.cristofori.trainer 




media/PSX_20140811_182131.jpg


 Tutte le foto e tutti gli articoli del sito sono stati realizzati da Andrea Cristofori e sono di sua proprietà.
 E’ vietato l’uso e la diffusione delle foto e dei testi senza il consenso dell’interessato.
Si ringrazia il Prof. Enrico Guerra per la collaborazione nella preparazione di questo articolo attraverso la mia partecipazioni ai suoi master e alle relative certificazioni ottenute. Ringrazio anche il Dott. A. Parolisi per gli spunti suggeritomi.

Suggerimenti
“La qualità della vita di un uomo è in diretta proporzione al suo impegno ad eccellere, indipendentemente dall'attività da lui scelta!”
MERCHANDISING
> Linea Maschile
> Linea Femminile
Link
> Link amici
Scrivimi
info@andreacristofori.net
Copyright (C) 2007 IT - Information technologies - All rights reserved - Powered by IT - Information Technologies
Privacy Policy